Il mio lavoro

In tanti anni di attività e dopo migliaia di interventi chirurgici effettuati, ho notato un elemento ricorrente e comune in molti pazienti : la paura di subire un intervento chirurgico. Come medico cerco sempre di infondere tranquillità, dando al paziente tutte le informazioni possibili relative all’ intervento e alla degenza post-operatoria.
Nonostante un intervento abbia come obiettivo la cura e la guarigione, esso porta sempre con sé un certo grado di stress. Spesso queste risposte emotive vengono aumentate dalla scarsa comunicazione con il medico, mentre invece si assiste a un minor livello di preoccupazione e irrequietezza quando si sono ricevute le maggiori informazioni possibili dal proprio medico.
L’ ansia preoperatoria è un'ansia dell' attesa di un qualcosa che non si conosce e, proprio per questo, si teme ancora di più. All’ansia si accompagnano tutta una serie di paure che sono legate all’esito dell’operazione e alla paura di un danno, poiché si tende a riportare alla memoria tutti i racconti e le informazioni a sostegno di ipotesi negative.
L’ anestesia è vissuta spesso come qualcosa capace di far perdere il controllo della coscienza, di farci fare o dire cose inopportune, di farci perdere la consapevolezza di quanto sta avvenendo, di farci perdere totalmente il controllo.
Credo che il modo migliore per affrontare al meglio un intervento sia ricevere informazioni dettagliate e imparare a gestire l’ansia e le paure . Solo in questo modo l’intervento riduce il suo carattere di ambivalenza, cioè l'oscillare tra l’essere potenzialmente portatore di guarigione e l’essere causa di ulteriore sofferenza.
Oltre a un colloquio approfondito con il proprio medico, potrebbe tornare utile al paziente il training autogeno, utilizzato come tecnica di rilassamento, o una psicoterapia breve, per imparare a vivere in modo diverso le sensazioni spiacevoli e affrontarle ottenendo il massimo del risultato.
Basti pensare che la paura è un’ emozione che ci consente di riconoscere le situazioni di pericolo e di affrontarle (attacco) o di evitarle (fuga).
Nell’uomo la paura insorge non solo per pericoli e novità presenti nel mondo esterno, ma anche da conflitti, insicurezze e difficoltà che nascono nel mondo interiore e che possono essere trasferiti su oggetti e situazioni del mondo esterno. Imparare a gestire al meglio le proprie paure significa anche riuscire ad affrontare determinate situazioni o difficoltà con sicurezza e serenità, e riuscire a superarle senza complicazioni, come nel caso di una operazione chirurgica.

Consiglio per questo ai miei pazienti, ma anche a tutti i lettori che stanno cercando maggiori informazioni dovendo affrontare un’ operazione chirurgica, di non trascurare tutti gli aspetti di un ‘operazione chirurgica, dal reperimento accurato delle informazioni, alla preparazione psicologica personale, alla gestione delle proprie paure ed emozioni.





Biografia del dottore Luigi De Blasi


Medico chirurgo operante nella provincia di Lecce



Dott. LUIGI DE BLASI
GIÀ PRIMARIO DI CHIRURGIA GENERALE
SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA


Specializzato in Chirurgia generale, Ostetricia e ginecologia

Il Dott. De Blasi nasce a Bari nel 1944 e a soli 25 anni consegue la Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’ Università degli studi  di Bari . Da subito inizia la sua attività lavorativa prima come Ufficiale medico di  complemento presso il 48° Rgt. Fanteria Ferrara di Barletta e dopo come Assistente chirurgo presso   O.C. I. Veris Delli Ponti di Scorrano, posizione che ricoprirà per dieci anni.
Nel frattempo studia fino a conseguire, con il massimo dei voti, la Specializzazione in Ostetricia e Ginecologia presso l’Università degli studi di Padova nel 1974.
Nel 1976 ottiene l’ idoneità nazionale ad aiuto di ostetrica e ginecologia e nel 1978 l’idoneità nazionale ad Aiuto di Chirurgia Generale . A seguito di concorso pubblico, diventa  Aiuto Chirurgo presso O.C. Daniele Romasi di Gagliano del Capo dal Luglio del 1979 al Luglio del 1980.
Nello stesso 1980 si specializza con il massimo dei voti in Chirurgia generale presso l’Università degli studi di Napoli , per poi diventare  Primario chirurgo nel 1981, ancora con il massimo dei voti. Fino al 1983 è Primario chirurgo F.F. presso lo stesso O.C. Daniele Romasi di Gagliano del Capo e, dal 1983 al 2000 Primario chirurgo di ruolo dal presso l’ospedale E.Daniele e Romasi di Gagliano del Capo. Dal 1995 al 2000 è  Primario Chirurgo a “scavalco” presso l’ospedale civile F.Ferrrari di Casarano, per poi passare a Primario Chirurgo di ruolo presso l’ospedale civile F.Ferrari di Casarano dal  2000 al 2011.
Il Dott. De Blasi ha eseguito in prima persona 25.000 interventi di chirurgia generale (Tiroide,Mammella,Stomaco,Colon-retto,Fegato e vie Biliari,Chirurgia di parete addominale genitourinaria e Flebologica) ed è stato tra i primi in Puglia a praticare, nel 1991,  la chirurgia Laparoscopica, eseguendo in prima persona più di 4.000 interventi con tale tecnica riguardante colecisti e vie biliari, stomaco, appendice, milza, ernia e laparoceli  e chirurgia del colon-retto.
Il Dott. De Blasi è Socio della Società Italiana di Chirurgia fin dagli anni ’70 ed ha partecipato come relatore ad innumerevoli eventi scientifici.